Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Udine 25 maggio 1941. Industriale. Titolare di fabbriche di utensili e di macchinari per la lavorazione del legno (una di queste, la Freud, fu acquisita dalla multinazionale tedesca Bosch nel 2008). Nell’86 assunse la presidenza dell’Udinese calcio, rilevata (con 9 punti di penalizzazione e un futuro incerto) da Lamberto Mazza. Dal 1995-1996 la tiene in A, nel 2005-2006 la portò addirittura in Champions League. Oltre all’Udinese, è anche proprietario della squadra spagnola Granada e di quella inglese Watford: «Mentre alcuni magnati stranieri investono in Italia, lui lo fa all’estero sfruttando il trading dei giocatori come fonte di guadagno. In sostanza, la sua tecnica è molto semplice: Pozzo possiede altre due squadre di secondo livello in altri due campionati: il Watford in First Division inglese (la nostra serie B) e il Granada neopromosso in Liga spagnola. Tra i due club e l’Udinese avviene ogni anno un fitto scambio di giocatori e a fine anno i migliori vengono ceduti, permettendo a Pozzo di realizzare plusvalenze importanti» (Alessandro Oliva) [Ink 26/11/2013].
• «Nel calcio si entra in cinque minuti e poi non si esce più. I club sono aziende invendibili. In Italia nessuno compra sul mercato una squadra: tutti gli ultimi presidenti sono entrati subentrando in società che erano fallite o che stavano per fallire. Della mia generazione siamo rimasti solo io e Silvio Berlusconi. Venticinque anni io e 25 anni lui» (a Giuseppe De Bellis nel 2011) [Pan 24/3/2011].