Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

Roberto Poli

Biografia di Roberto Poli

• Pistoia 28 giugno 1938. Manager. Presidente dell’Eni dal 2002 al 2011. Presidente della società Poli e Associati spa. Consulente (Fininvest, Mondadori, Coesia).
• «Nel settore chimico può vantare un’esperienza dal 1991 al 1993, sempre come consigliere di amministrazione, all’Enichem. All’attività di amministratore ha sempre unito quella di consulente in numerose operazioni strategiche per il capitalismo di casa nostra: dal passaggio della Zanussi alla Electrolux al passaggio di Edilnord a Pirelli e Aedes. Ma nel corso della sua carriera si è conquistato anche la fama di uomo adatto a intervenire in momenti difficili per la vita delle aziende. È a lui che va la presidenza della Rizzoli-Corriere della Sera nel periodo buio dell’83-1984 e fino al salvataggio, è lui che viene nominato dal tribunale alla guida della Gucci nell’88-1991, ed è sempre lui che sostituisce Marcello Dell’Utri alla presidenza di un consiglio di amministrazione di Publitalia completamente rinnovato, consentendo così alla concessionaria di pubblicità della Fininvest di evitare il commissariamento. Professionalmente vicino a Berlusconi, ma sempre attento ad evitare connotazioni politiche di qualsiasi tipo, vanta buoni rapporti con molti esponenti di spicco della comunità finanziaria italiana e anche con Romano Prodi, che aveva conosciuto alla Maserati, quando il professore ne era presidente e lui guidava il collegio sindacale» (La Stampa).
• Nel 2006 terzo nella classifica dei manager resa nota più pagati d’Italia pubblicata dalla presidenza del Consiglio (3,2 milioni), di più solo Luca Cordero di Montezemolo (ex presidente della Fiera di Bologna, ma gli contano pure i soldi della Fiat...) e Piero Gnudi (presidente dell’Enel).
• Nel 2008 è stato nominato cavaliere del Lavoro.