Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

• Buenos Aires (Argentina) 29 novembre 1947. Cardinale, creato da papa Francesco il 22 febbraio 2014. Già vescovo di Santa Rosa della Pampa, dal 28 marzo 2013 è arcivescovo di Buenos Aires, al posto di Bergoglio. Gran cancelliere dell’Università cattolica argentina.
• Padre italiano e madre argentina: «Mio padre Mario era toscano, nato nel 1900 a La Scala, in diocesi di San Miniato. Aveva due fratelli, Aurelio e Cornelio. Ricordo che la nonna paterna era molto religiosa. Mio padre e mio zio vennero battezzati nella chiesa di san Pietro alle Fonti che ho visitato qualche anno fa e  della quale conservo un bel ricordo. Mio padre era un macchinista delle ferrovie. Negli anni Trenta conduceva il treno da Firenze a Lione. Venne fatto prigioniero al tempo del fascismo, anche se non sappiamo molto di questa storia. A quanto sembra, un parroco intervenne per liberarlo. Per sfuggire alla guerra emigrò con suo fratello Aurelio in Argentina. Aprirono una torneria ed il lavoro andò bene. Mia madre invece era una sarta, anche lei proveniente da una famiglia molto cattolica. Da mio padre ho ricevuto la cultura del lavoro e da mia madre la religiosità. Abitavamo a Buenos Aires ma per un periodo siamo stati anche a Casale Monferrato in Piemonte» (all’Osservatore Romano).