Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Palermo 15 luglio 1959. Avvocato. Presidente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato (dal 18 novembre 2011). Professore ordinario di Diritto costituzionale all’Università di Palermo e docente nella Scuola di specializzazione in Diritto europeo. Il 30 marzo 2013, in seguito alle infruttuose consultazioni per la formazione di un governo, è stato chiamato da Giorgio Napolitano a far parte del gruppo ristretto incaricato di avanzare proposte programmatiche in materia economico-sociale ed europea.

• Avvocato cassazionista, esperto nel diritto dei pubblici appalti, in giustizia costituzionale e nel diritto pubblico dell’economia. Ha studiato a lungo le problematiche relative alle politiche per lo sviluppo del Mezzogiorno e del rapporto tra istituzioni locali e sviluppo economico, si è occupato anche di servizi locali e delle loro procedure di privatizzazione. [Rossella Bocciarelli, Il Sole 24 Ore 19/11/2011] «Professore di fama per carità, ma soprattutto amico del presidente del Senato Renato Schifani e di Angelino Alfano, il segretario del Pdl. È documentato un legame fin troppo stretto tra Pitruzzella e Schifani, con il primo perfino avvocato del secondo in una causa per diffamazione contro Marco Travaglio. La causa si sa come va a finire: Pitruzzella chiede un risarcimento da un milione e 750 mila euro. Ne ottiene 16 mila, ma con una sentenza che conferma i passati rapporti tra Schifani e soggetti condannati per mafia anni dopo. Nel 2009 è stato nominato, sempre da Fini e Schifani, al vertice della commissione di garanzia sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali. Ricco, nel 2005 era il maggior contribuente a Palermo con un milione e 700mila euro, fa incetta di consulenze delle amministrazioni pubbliche, a partire dalla Regione siciliana. Il primo incarico gli arriva nel ’93 con il governo Campione, che era aperto ai comunisti. Negli anni diventa il consigliere più ascoltato di Salvatore Cuffaro, l’ex governatore condannato a sette anni per favoreggiamento aggravato. Con lui, nel 2003, scrive pure un libro a due voci, Il coraggio della politica. Nel 2004 Forza Italia gli propone di candidarsi per la provincia di Palermo, ma lui rifiuta». [Emanuele Lauria e Liana Milella, la Repubblica 19/11/2011]

• Dopo la nomina all’antitrust Salvatore Bragantini sul Corriere della Sera scrive: «Quali siano le competenze specifiche maturate dal costituzionalista palermitano nel campo degli abusi di mercato, della concorrenza sleale, delle intese lesive della concorrenza, il comunicato che annuncia la nomina non ce lo dice, per una semplice ragione: esse non esistono». «Già presidente del collegio sindacale della Gesap, la società che gestisce l’aeroporto di Palermo, l’avvocato Pitruzzella non risulta essere particolarmente esperto di concorrenza, materia i cui studiosi sostengono ora che debba essere terreno più per gli economisti che per i giuristi». [Sergio Rizzo, Corriere Economia 5/12/2011]

• «Firmava appelli in difesa della costituzionalità del lodo Alfano (poi dichiarato incostituzionale dalla Consulta) che salvava Silvio Berlusconi dai processi, e il giurista siciliano aderiva anche all’associazione “Viene prima l’articolo 15”, contro le intercettazioni telefoniche e difendeva la legge elettorale del Porcellum. Il tutto con l’interfaccia politica del senatore Pdl Gaetano Quagliariello, che presiede la Fondazione Magna Charta nel cui comitato scientifico siede Pitruzzella». [Stefano Feltri, il Fatto Quotidiano 23/11/2011]

• «Pitruzzella piace a tutti. La sua fama non viene scalfita nemmeno quando si scopre che un ex collaboratore del suo studio (Marco Lo Bue, 28 anni, figlio di un ex socio di Pitruzzella nella proprietà di una barca) dopo aver superato un concorso, è stato assunto dall’Autorità». [Marco Lillo, il Fatto Quotidiano 2/4/2013]

• Come presidente dell’Antitrust il suo stipendio per il 2012 è stato di 475.643 euro, esclusi cumuli e benefit. [Annalisa Cuzzocrea, la Repubblica 24/2/2012]

• Dal 1998 è direttore della Rivista di diritto costituzionale edita da Giappichelli.

• Stile english, una passione per la mountain bike.