Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• (Guerrino) Bologna 24 maggio 1925. Attore. Fratello dell’attore e regista Mario (1910-1976), subito dopo la guerra tra i fondatori del Teatro La Soffitta di Bologna, in seguito lavorò con Wanda Osiris e le sorelle Nava, divenne popolarissimo nel 1961 con il programma tv L’amico del giaguaro, poi, tra l’altro, Senza rete (1969). Dopo una lunghissima pausa, nell’89 e nel 1990-1991 ha condotto con Ezio Greggio Striscia la notizia. Nel 2005 vinse il Nastro d’argento come miglior attore non protagonista per il ruolo ne Le conseguenze dell’amore (di Paolo Sorrentino). Visto in Delitto perfetto di Frederick Knott, «straordinaria rentrée teatrale» (Geppy Gleijeses, regista e interprete) e in Se devi dire una bugia dilla ancora più grossa (regia di Gianluca Guidi, nel 2012).
• «Gliene racconto una. Carlo Conti mi chiama a I migliori anni. I suoi collaboratori chiedono: cosa vuol fare? “Beh – rispondo – io ero famoso per le mie parodie. Posso farvi quella di Maurice Chevalier”. “Chevalier? – ribattono quelli – : e chi è?”. Non ci sono più andato». Davvero? Conti ci sarà rimasto male. «Infatti m’hanno richiamato. E sa cosa m’hanno proposto? Provolino; il pupazzo-ventriloquo che facevo nel 1967, alla domenica pomeriggio. Allora ho capito: oggi sono i ricordi, a rendere felice la gente. Soprattutto ora, con la crisi, la mancanza di soldi. Nessuno è così povero da non possedere almeno un ricordo» (a Paolo Scotti) [Grn 24/12/2012].