Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Canzano (Teramo) 2 marzo 1954. Scrittore. Sceneggiatore. Direttore responsabile de La Rivista dei Libri. Tra i suoi libri: Gli sguardi cattivi della gente (1992), Luisa e il silenzio (1997, premio Viareggio-Répaci), L’appeso (2000), Il ritorno a casa di Enrico Metz (2006, premio Campiello, Napoli ecc.), I giorni nudi (2010), tutti editi da Feltrinelli.
• «Piersanti, da studente fuorisede, era stato uno dei leader del Settantasette bolognese, discreto e molto poco politico. Scriveva già, e bene. Per anni non l’ho più visto (...) Però uscivano i suoi libri, scritti in una lingua limpida, appena mossa, duri e serrati come ostriche, ma sempre dolenti e melanconici come rimpianti. Pochi, cadenzati, e a distanza di tempo. Chi li ha letti sa che Piersanti è stato il testimone più veritiero della generazione nata negli anni Cinquanta (...) La sua è stata la lunga fedeltà a una generazione che ha prolungato il più possibile la propria giovinezza ed è passata, senza colpo ferire, all’età senile, o presenile, saltando la maturità, come il protagonista del suo ultimo splendido romanzo, Il ritorno a casa di Enrico Metz» (Marco Belpoliti).
• «La sua famiglia d’appartenenza è quella dei Comisso, dei Bilenchi, dei Soldati, dei Cassola, delle Ginzburg. Questo comporta anche un dettato limpido, dalle tinte per niente neutre ma pigmentate con felicità che direi domestica perché immediatamente percepibili. Sono qualità rare più che apprezzabili, e che si confermano di libro in libro» (Enzo Siciliano).
• «Scrittore tutt’altro che squillante, sempre adotta un rigoroso basso profilo, sia stilistico che strutturale» (Franco Cordelli).
• Per il cinema sceneggiatore fra l’altro di Vesna va veloce (1996) e La giusta distanza (2007) di Carlo Mazzacurati, Piano, solo (Riccardo Milani, 2007). Suoi soggetto e sceneggiatura del tv-movie La stella dei re. Più recente la sua collaborazione con Pupi Avati, con cui nel 2013 ha scritto il soggetto del film per la tv Il bambino cattivo e sceneggiato la miniserie di Raiuno Un matrimonio.