Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Torino 26 maggio 1938. Critico musicale. Dall’82 all’85 fu direttore artistico dell’Orchestra Rai di Torino, dal 1977 al 2010 ordinario di Storia della musica all’Università di Torino, poi professore emerito. Scrive sulla Stampa.
• La sua famiglia: «Nonna Carola Prosperi, “promossa” come scrittrice da De Amicis, e amica di Gozzano. Il marito Gino Pestelli, condirettore della Stampa al tempo di Frassati, suo il titolo dopo il delitto Matteotti “Il cuore del popolo a Matteotti”, che gli valse l’ostracismo del regime e l’opportunità di creare l’ufficio pubbliche relazioni della Fiat. Mio padre Leo, il linguista di Parlare italiano. Il prozio musicista Luigi Perracchio, maestro di Fuga» (a Bruno Quaranta) [Sta 23/11/2010].