Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  febbraio 28 calendario

• Roma 23 maggio 1970. Attore. Noto soprattutto per il lavoro in tv, è stato l’Edoardo di Balsano de Il bello delle donne, il Pietro Pironi di Orgoglio, il Luca Leoni di Crimini bianchi. Nel 2008 è Roberto Sanna, il capo della squadra antimafia che catturò Bernardo Provenzano, ne L’ultimo padrino di Marco Risi. Nel 2011 ha affiancato Gabriella Pession nella miniserie Dove la trovi una come me?, nel 2012 è stato il marito di Francesca Chillemi in Sposami. Visto al cinema, tra l’altro, in Fortapàsc (Marco Risi, 2009) e Mine vaganti (Ferzan Ozpetek, 2010). A teatro è stato Pericle, principe di Tiro (regia di Paolo Valerio); nel 2013 Edipo, in Edipo Re, al Teatro greco di Siracusa (regia di Daniele Salvo); e nel 2015 sarà in scena con l’Amleto di Shakespeare. «Ammette di aver deciso che da grande avrebbe fatto l’attore dopo aver visto un Amleto. Ma in vent’anni di carriera e di studi, Shakespeare non l’aveva mai fatto» (Simonetta Robiony).
• «È un attore alfaomega: galleggia da anni tra i versi più ostici della drammaturgia classica e le sceneggiature più nazionalpopolari della fiction nostrana» (Vittorio Zincone) [Set 24/5/2013].
• «La sera del mio ventinovesimo compleanno. Ero in tournée e stavo festeggiando con la compagnia. A un certo punto mi si avvicinò il regista Giuseppe Patroni Griffi. Mi fece gli auguri e mi disse: “Tu sei bravo. Ma chi ti conosce? Non ti potrò mai far recitare da protagonista. Vattene un po’ in tv”. A me la televisione non piaceva. Però mi misi subito al lavoro. Dopo una piccola parte ne Il bello delle donne, vinsi il terno al Lotto».
• «Alla prima dell’Edipo c’erano settemila persone. Sotto il sole, con i panini e le bottiglie d’acqua. Se ti trovi di fronte a una platea così, interclassista e intergenerazionale, ti accorgi che la devi conquistare. Anche se reciti Sofocle, devi essere pop».
• «Tutti vorremmo diventare popolari per un Macbeth. È ovvio. Ma la tv regala la libertà di scegliere e ci insegna che entrare nel cuore della gente è la vera missione dell’attore».
• Il suo film preferito è Barry Lyndon di Stanley Kubrick, la canzone Wuthering Heights di Kate Bush, il libro Delitto e castigo di Fëdor Dostoevskij.
• Ha avuto una storia con Michelle Hunziker.
• Vive a Roma, a Trastevere.