Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  settembre 19 Mercoledì calendario

• Pisa 16 aprile 1950. Avvocato. Ex magistrato (era nel pool Mani pulite, versante tangenti rosse: fece arrestare il comunista Primo Greganti). Ex parlamentare (eletta con Forza Italia nel 1994 e 1996). «Candidarsi era giusto, lo rifarei. Nel 94 stava per andare al potere una classe dirigente vendicativa. Avevo già dato un’occhiata all’organigramma, in Procura: Occhetto presidente del Consiglio, Violante ministro dell’Interno... Un disastro».
• Ruppe con Berlusconi ai tempi della Bicamerale: «Ero stata mandata là e mi era chiaro che Berlusconi la usava per trattare sulle sue cose. Credeva ai suoi consiglieri, ma io glielo dicevo: “Guarda che non è qui che risolverai i tuoi processi”. Sono passata al gruppo misto e poi, nel 2001, non mi sono ricandidata. Non avrei saputo con chi farlo» (a Maria Latella).
• Presidente della commissione Antimafia dal 1994 al 96. Nel 2004 aderì alla Margherita di Rutelli. Assolta nel marzo 2007 a Genova nello stesso processo in cui un colonnello dei carabinieri fu condannato per aver gestito in modo spregiudicato droga e pentiti.
• Detta “Titti la rossa”.