Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• (Gino De Crescenzo) Milano 5 marzo 1964. Cantante. Autore. Di origini campane, laurea in Scienze politiche con tesi sul delitto politico. Ha scelto il nome d’arte Pacifico (dall’oceano) per evitare confusioni con altri De Crescenzo (nessuna parentela). Già chitarrista del gruppo milanese Rosso Maltese (1989-1998): «Anche cameriere, imballatore di videogiochi, uomo delle pulizie. Finché per caso sono andato a lavorare sul set di Sud Side Stori, il film di Roberta Torre, dove mi sono ritrovato a scrivere musiche e arrangiamenti».
• Esordio solista nel 2001 con Pacifico (il Tenco come miglior esordiente, il Recanati e altri premi), ha lavorato con Bersani, Celentano, Frankie Hi-Nrg, Fossati, Nannini ecc. Nel 2002 partecipa alla colonna sonora di Ricordati di me (Gabriele Muccino) con l’omonima canzone, l’anno seguente è al Festival di Sanremo (Solo un sogno). Altri dischi: Musica leggera (2004), Dolci frutti tropicali (2006).
• «Vengo da una famiglia operaia che aveva il sogno della musica. A 5 anni, in segno di riscatto sociale, mamma comprò un pianoforte. Poi si è pentita: avrebbe preferito facessi il dottore».
• «Sul palco crea intermezzi teatrali: gioca con le bolle di sapone (“Le ricette per la miscela migliore si trovano su internet”), fa esplodere tubi di coriandoli, tira palline da ping pong con stampato il suo logo e altro. Follie alla Flaming Lips. “A me piace l’idea del rigore e della distanza dell’artista. Soprattutto quando compongo. Dal vivo cerco di aprire dei canali per avvicinare il pubblico e fare passare le canzoni”» (Andrea Laffranchi).
• Dal 2007 fa parte della scuderia di Caterina Caselli: «Dopo aver scritto un testo per Bocelli sono rimasto in contatto con lei. Penso che sia una delle poche persone, nel campo della musica, con cui valga la pena firmare un contratto» (a Marco Molendini).