Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 11 Lunedì calendario

• (Paola Pellinghelli) Parma 24 luglio 1963. La mamma del piccolo Tommaso, assassinato (a 18 mesi) nel marzo 2006.
• «Nella cucina a piano terra di un cascinale sperduto tra i campi, a Casalbaroncolo, in realtà a 10 minuti dal centro di Parma. Qui Tommaso Onofri, 17 mesi, malato di epilessia, è stato rapito per essere ucciso, quasi subito, poco lontano. Con orrore smisurato. Che continua ad angosciare, adesso come allora. La porta che il 2 marzo 2006 si aprì improvvisamente sui volti coperti di due apparenti rapinatori: un varco verso l’inferno. Perché, se davvero esiste, Paola Onofri l’ha già vissuto. Prima il sequestro di Tommy, poi i sospetti sulla famiglia, infine, dopo un mese, la scoperta del corpicino sepolto lungo il greto del fiume Enza. Quale male peggiore?» (Grazia Maria Mottola).
• Vedi anche Mario Alessi.
• Il marito Paolo Onofri (Bolzano 19 maggio 1959) nell’ottobre 2006 patteggiò 6 mesi di carcere con la condizionale e mille euro di multa per il possesso di materiale pedopornografico. Colpito da infarto nell’agosto 2008, al ritorno da una camminata in montagna con il figlio, riportò danni irreversibili al cervello. In coma vegetativo per cinque anni, si è spento nella notte tra il 14 e il 15 gennaio 2014, nella clinica privata di Fontanellato, in provincia di Parma, dove era ricoverato.