Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 11 Lunedì calendario

• Venezia 22 agosto 1925. Scrittore. Giornalista, ha lavorato a lungo con L’Europeo. Tra i suoi libri: Un romanzo d’avventura (Mondadori 1971), La taverna del doge Loredan (Piemme 1980), La partita (Longanesi 1986, premio Campiello), Interno argentino (Rizzoli 1991), Il ponte della solita ora (Piemme 2008).
• «Ha qualcosa dei re di una volta, è munifico, ricchissimo, nobile di sentimenti, nel suo inchiostro scorre sangue blu. Ed è malinconico perché sa come tutti i maestri dell’avventura (cioè della letteratura) che il segreto del mondo è un brutto segreto, che il cuore ha luce di tenebra. Questo scrittore, che incanta e diverte, sa, come Sheherazade, che si racconta un po’ per gioco, ma molto di più per non morire. Per questo si dette principio all’arte narrativa» (Antonio D’Orrico).