Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

Davide Oldani

Biografia di Davide Oldani

• Milano 1 ottobre 1967. Chef patron de il D’O di San Pietro all’Olmo, frazione di Cornaredo in provincia di Milano, aperto nel 2003. Una stella Michelin (2008). «Il dolce e il salato, il morbido e il croccante, il freddo e il caldo. Tutta questa mescolanza, all’apparenza incongruente, produce i suoi frutti».
• Inventore del concetto di cucina POP. «Tra i cuochi di rango (ex allievo di Gualtiero Marchesi), è stato il primo a intraprendere la strada della ristorazione a basso costo (per il cliente) ma di qualità» (Roberto Rizzo).
• In tivù lo si vede a The Chef, su La5, assieme a Filippo La Mantia, e a The Cooking, in onda su RealTime. «Dopo aver detto no a MasterChef e altri talent con giudici ingiustificatamente spietati ho scelto La5, un canale laboratorio dove vado a braccio e mi presento per quello che sono».
• Libri: Cuoco andata e ritorno (Touring Editore, 2008), La mia cucina pop (Rizzoli, 2009), POP, la nuova grande cucina italiana (Rizzoli, 2010), Il giusto e il gusto. Larte della cucina POP (Feltrinelli, 2012) e Chefacile! (Mondadori, 2013).
• Piatto emblema della sua cucina è la cipolla caramellata, che si propone di realizzare un equilibrio tra i contrasti croccante e morbido, zuccherato e salato, freddo e caldo.
• Interista. Giocava in C2 nella Rhodense, a 16 anni fu costretto a lasciare per un infortunio (frattura di perone e tibia).