Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 11 Lunedì calendario

• Varese 16 marzo 1937. Cardinale (il primo varesino della storia, creato nel 2003 da Giovanni Paolo II). Laureato in Giurisprudenza all’Università Cattolica di Milano, fu ordinato prete nel 1964 e inviato a Roma per gli studi canonistici. Rientrato a Milano, insegnò Diritto canonico e Diritto pubblico ecclesiastico nel Seminario maggiore, di cui divenne rettore nel 1970. Nel 1977 fu nominato vescovo ausiliare della metropoli lombarda, nell’84 fece parte della commissione italo-vaticana per la revisione dei Patti Lateranensi. Dall’87 alla Cei (Conferenza episcopale italiana) come esperto dei problemi degli enti e dei beni ecclesiastici, nel 1992 fu nominato vescovo di Verona, cinque anni dopo tornò a Roma riprendendo a tempo pieno la cura delle questioni giuridiche, canoniche e concordatarie presso la Cei. Nel 2002 fu nominato presidente dell’Amministrazione del patrimonio della Sede apostolica (Apsa). Nel febbraio 2006 fu nominato legato pontificio per le basiliche di San Francesco e di Santa Maria degli Angeli in Assisi.
• A Umberto Bossi, che nel 2004 attaccò «la Chiesa ricca» e l’8 per mille, replicò gelido: «Sono anche io lombardo e so che i sentimenti espressi dall’onorevole Bossi non sono quelli delle nostre popolazioni. Non porta argomenti giuridici, né politici, o culturali. Siamo sul piano dell’insulto e ritengo che su quello io non possa scendere».