Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  settembre 19 Mercoledì calendario

Paolo Negro

Biografia di Paolo Negro

• Arzignano (Vicenza) 16 aprile 1972. Allenatore. Ex calciatore. Difensore, con la Lazio vinse tra l’altro uno scudetto (2000) e una coppa delle Coppe (1999), con la Nazionale fu vicecampione d’Europa nel 2000 (8 presenze in tutto).
• «Era il 17 dicembre del 2000 e il derby era all’acme della sua storia: roba da scudetto. Nesta gli tirò la palla addosso e la Roma vinse 1-0. Dopo quella maledetta sera i romanisti giravano con la sua maglietta, gli facevano i cori, lo applaudivano, in suo onore fondarono un club e una ricorrenza festiva “San Negro protettore dell’autogol”» (Emilio Marrese).
• Nel 2013 viene scagionato dall’accusa di frode sportiva per la partita Siena-Lazio del Campionato 2006/2007. Due anni prima era stato ricattato: la consegna di trentamila euro o l’accusa infamante. Gli autori del ricatto, Emanuele Fois e Filippo Fazioli, sono stati condannati, in abbreviato, rispettivamente a tre anni e quattro mesi e due anni e otto mesi di reclusione. Gli altri tre componenti della banda, Marco Fardellotti, Valentino Aliberti e Andrea Caprinozzi, sono stati rinviati a giudizio.