Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

Marina Natale

Biografia di Marina Natale

• Saronno (Varese) 13 maggio 1962. Direttore finanziario di Unicredit.
• «È parte di quella “meglio gioventù” approdata alla scuola di Lucio Rondelli verso la fine degli anni 80, quando per il Credit si aprì la grande occasione della privatizzazione. Ed è un po’ il simbolo di quella “carica dei trentenni”, come fu ribattezzata dalla stampa finanziaria, che in Piazza Cordusio seguì compatta un coetaneo nel frattempo divenuto capo azienda, Alessandro Profumo» (Paola Pica).
• «Ha puntati su di sé gli occhi di molte donne speranzose che dall’alto del suo nuovo fortunato incarico esterni a favore della categoria; che si esprima su quel divario che ancora c’è fra il numero, rilevante, di donne che lavorano, e quello, molto esiguo, di donne che arrivano al top: è il famoso soffitto di cristallo che nonostante tutto persiste e ancora non si riesce a infrangere. Ma Marina, per quanto ben conscia del problema, non diventa per questo condiscendente: “Il soffitto non va toccato se non si hanno le capacità. Sono contro le quote rosa, e poi per il business il sesso non è rilevante. Preferisco parlare di valorizzazione dei talenti”» (Maria Luisa Agnese) [Cds 2/6/2009].
• Sposata con Mauro, private banker, compagno di liceo e di università: «Io studiavo come una secchiona tutto l’anno e prendevo 30 e lode, lui si impegnava gli ultimi due giorni e prendeva 28 e poi diceva: "È perché sono più intelligente". Forse era solo più bravo a parlare di cose che non sapeva» (a Agnese cit.). Vivono a Uboldo, a due passi da Saronno e a mezz’ora da Milano. Un figlio, Matteo.
• «Vorrei saper essere leggera, non prendere sempre le cose sul serio».