Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• Bari 15 giugno 1957. Magistrato. Procuratore capo a Sondrio, già sostituto procuratore a Milano. Componente del consiglio giudiziario del distretto di corte d’appello di Milano (eletto nelle fila di Movimento per la giustizia) e candidato alle primarie per l’elezione del Csm nel 2014.
• Titolare dell’inchiesta Telecom, ha anche condotto inchieste su un giro di mazzette a Milano per pratiche urbanistiche (il processo ha visto assolti gli imputati), lo smaltimento illegale di rifiuti nel Nord Italia, il Laziogate (lo spionaggio degli sfidanti di Francesco Storace per la Regione da parte del portavoce di quest’ultimo, Nicolò Accame, condannato). Ha seguito anche la vertenza tra Giuseppe Gazzoni Frascara e Katherine Price. A Sondrio si è occupato dell’assassinio di Donald Sacchetto ad Ardenno e ha avviato un’indagine su sottotetti trasformati abusivamente in mansarde.
• «Nell’82, già era in Procura. L’apprendistato. Le prime indagini. E via via la specializzazione nel settore dell’urbanistica. Nei lunghi anni delle bustarelle, gli avvocati degli indagati che s’incrociavano in Tribunale si salutavano all’insegna d’un ritornello: “Di Pietro perdona, Napoleone no”» (Andrea Galli).