Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• Palermo 1 febbraio 1947. Politico. Eurodeputato, eletto nel 1999 e 2004 con Forza Italia. Ex presidente della Provincia di Palermo. Deputato all’Assemblea regionale siciliana (MPA) nella XV legislatura (2008-2012).
• Papà Giovanni penalista di grido e docente universitario, mamma Rosanna Piazza nota pittrice, il nonno materno Libero clinico di fama, quello paterno alto commissario per la Sicilia agli inizi della Repubblica. Stirpe socialista, a trent’anni già sui banchi dell’Assemblea regionale. Eletto presidente della Provincia nel giugno del 1994 con 320 mila preferenze, accusato da alcuni pentiti di aver fatto favori alle cosche, l’8 novembre del 1995 fu arrestato. Il 12 marzo 1996 il Tribunale del riesame ordinò il suo rilascio, il 4 aprile 1998 fu assolto: «Io mi considero vittima della mafia, non della procura. Sono vittima di un boccone avvelenato che i pentiti hanno regalato a Caselli. Volevano farmi fuori politicamente. Perché alla Provincia avevo rotto tutti gli equilibri sugli appalti» (a Claudio Fava).