Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Civitavecchia (Roma) 30 novembre 1972. Procuratore. Figlio di Luciano, fu calciatore nel settore giovanile di Napoli e Torino, prima come ala destra, poi come terzino. Nel 1994 fondò con Francesco Zavaglia la Football Management poi confluita nella Gea, «una società di servizi e assistenza a tutti i livelli che ha modificato l’antico mestiere di procuratore» (Gianfranco Teotino) a causa della quale è finito sotto processo per associazione per delinquere finalizzata all’illecita concorrenza mediante minacce o violenza. Testimonianza di Zdenek Zeman, ex allenatore di Lazio, Roma ecc.: «La cosa che mi sorprendeva di Alessandro Moggi è che lui girava per il calciomercato con una lista di suoi giocatori e indicava alle società quali prendere tra questi». Condannato nel 2009 in primo grado a 14 mesi per violenza privata e associazione a delinquere (con lui condannato il padre) per le presunte pressioni esercitate per l’acquisizione di procure sportive; pena ridotta a cinque mesi nel 2011 dalla Corte d’Appello di Roma; infine la condanna è stata annullata per prescrizione nel gennaio 2014 dalla Cassazione.
• Nel giugno 2013 la Procura di Napoli lo ha indagato per associazione a delinquere finalizzata all’evasione fiscale per i contratti sospetti di alcuni calciatori sudamericani. «Un’indagine cominciata con l’esame dei contratti di Lavezzi e Chavez, argentino come il Pocho, rimandato a casa dopo un anno fallimentare. Un’operazione costata due milioni che ai tifosi apparve inspiegabile, e agli investigatori sembrò sospetta, soprattutto perché a unire Lavezzi e Chavez non era soltanto la nazionalità ma soprattutto il procuratore: Alejandro Mazzoni, numero uno tra gli agenti di calciatori in America Latina. Come escludere, quindi, che l’ingaggio di Chavez potesse essere un artificio per far circolare denari in maniera opaca? Partiti da lì, gli uomini della Finanza hanno stabilito che il referente italiano di Mazzoni sarebbe Alessandro Moggi. Tra i due non c’è formalmente una società, ma dalle indagini è emerso che sono due facce della stessa medaglia, che si dividono il mercato italiano e quello latinoamericano» (Fulvio Bufi) [Cds 26/6/2013].
• Sposato con Fabrizia Lonardi, due figli (tra cui Luciano Jr.), a margine del caso Gea uscì anche la storia di un suo corteggiamento forsennato alla conduttrice tv Ilaria D’Amico (vedi).