Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 11 Lunedì calendario

• Roma 15 ottobre 1960. Giornalista. Dal febbraio 2016 capo ufficio stampa della Camera dei deputati. Dal 2005 alla chiusura del giornale, nel dicembre 2014, direttore di Europa (nato come quotidiano della Margherita, poi organo ufficiale del Pd).
• «Un ragazzo cresciuto al Manifesto, che poi col Manifesto ha rotto mantenendo vivi i rapporti di amicizia; riposizionatosi come dalemiano mitigato dalle lezioni di Giuliano Amato, fino alla scelta di guidare la comunicazione di Rutelli sindaco. Parademocristiano sulla carta stampata, in realtà non ha mai abbandonato la verve che nel 1995 lo portò quasi a dirigere il “quotidiano comunista”» (Il Foglio).
• Da ultimo convinto renziano.
• Dal luglio 2015 e fino alla nomina a capo ufficio stampa della Camera era stato consulente per il ministero delle Infrastrutture guidato da Graziano Delrio. Qualche polemica per il suo compenso: 120 mila euro netti per tre anni.
• Due figli, Lorenzo e Alexander.
• Gioca a calcio, fa immersioni, scia e legge libri di storia.
• Considera le serie televisive americane il più alto prodotto culturale del ventunesimo secolo.
• Colleziona in segreto reperti storici e militari.
• Romanista.