Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  settembre 25 Martedì calendario

• Milano 12 gennaio 1935. Giornalista. Dell’Espresso. Ha lavorato al Giorno, Panorama, la Repubblica. È stato direttore dell’Europeo. Nel 1979 e nell’83 fu eletto alla Camera col Partito radicale. Quand’era in Parlamento, giocava «parecchio»: «All’epoca c’era un tavolo con la scacchiera, e le sfide tra deputati, ma anche con i giornalisti parlamentari, erano molto frequenti. Il mio avversario preferito era l’amico Lucio Magri, del Pdup. Negli ultimi anni invece alla Camera la scacchiera è sparita, e nessuno gioca più» [da Scacchi attrazione immortale di Anania Casale, Aliberti 2011].
• Ultimo libro: Viceversa (Gaffi 2013). Autore del libretto dell’opera Signor Goldoni, prima alla Fenice di Venezia il 21 settembre 2007, musiche del compositore Luca Mosca con cui collabora da diversi anni, tra i loro lavori l’opera comica Mr. Me (2004). I suoi testi, tutti in inglese, sono stati raccolti in Tra-La-La, Words to Music (Archinto): «Il fatto di scrivere in una seconda lingua (che per me è quasi la prima, visto che mi sono formato negli Stati Uniti) mi consente di adoperarla come un materiale esterno, con maggior distacco. Un po’ come uno scultore che usa la plastilina».