Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• Salerno 26 maggio 1932. Giudice. Vicepresidente della Corte costituzionale, di cui è membro dal giugno 2005 (eletto dal Parlamento). Ministro della Funzione pubblica nel Berlusconi II (2004-2005, in sostituzione di Franco Frattini passato agli Esteri).
• Di estrazione socialista, laurea in Giurisprudenza a Napoli nel 1954. Nominato avvocato generale dello Stato il 13 dicembre del 2001, ha ricoperto negli anni diversi incarichi. È stato vicecapo di gabinetto del vicepresidente del Consiglio De Martino dal 1970 al 1973, capo dell’ufficio legislativo del ministero dei Lavori pubblici dal 1973 al 1975, consigliere giuridico del ministro della Difesa dal 1979 all’83 ecc.
• Nell’estate 2009 fu criticato per aver invitato a cena Silvio Berlusconi, a pochi mesi dalla decisione della Consulta sulla costituzionalità del lodo Alfano, che garantiva l’immunità dai processi del capo del Governo: «Mazzella rivendicò il diritto di invitare a cena a casa propria liberamente un “vecchio amico” - come lo stesso giudice definì Berlusconi - senza dover dare spiegazioni» (Alessandro Calvi) [il Riformista 9/9/2009]. Il lodo fu poi dichiarato incostituzionale.
• Sposato con Ylva Rubertson, due figli.