Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  febbraio 23 calendario

MAZZA’ Luca

• Catanzaro 19 gennaio 1962. Giornalista. Direttore del Tg3 (dal 4 agosto 2016).
• Prime esperienze lavorative a Ore 12 – Il Globo e all’Ansa. Ha scritto anche per MilanoFinanza. Entrato in Rai nel 1991 come responsabile redazione economica del Gr1, è stato poi tra l’altro vicedirettore di Raitre, caporedattore centrale Rai Sport e responsabile dei programmi Ballarò, Mi manda Rai3 e Agorà. Prima di essere nominato direttore del Tg3 è stato inviato di Rai Parlamento. Nella 2015 lasciò il suo incarico di responsabile di Ballarò in polemica con Massimo Giannini per la sua linea considerata troppo anti-renziana: «Io ho contribuito a scegliere Giannini come conduttore di Ballarò. È un grande professionista e una brava persona. Abbiamo lavorato sempre con una viva dialettica, ma sempre per rendere migliore il prodotto giornalistico. La cosa è stata efficace per il programma per oltre un anno. Poi quella dialettica si è fatta troppo accesa, diversi punti di vista, e per il bene di Ballarò ho fatto un passo indietro. Si è voluto vedere in quel gesto una coloritura politica che non c’era».
• «In Rai è conosciuto come un grande oppositore di Bianca Berlinguer» (Il Foglio).
• «Io sono un giornalista, faccio questo lavoro da 30 anni, da 25 alla Rai. Ho cominciato questo bellissimo mestiere all’Ansa e so quindi bene cosa significa equilibrio e pluralismo. Sono una persona autonoma, il mio curriculum lo dimostra. Io la penso così: chi lavora nel servizio pubblico, chi crede nel servizio pubblico, deve essere capace di non manifestare le proprie opinioni. Naturalmente ognuno ha le sue idee, ma chi fa il giornalista alla Rai non deve mai farsene condizionare. È una questione di rispetto per gli ascoltatori» (ad Amedeo La Mattina) [Sta 6/8/2016].