Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

Varese 31 maggio 1967. Giornalista. Ha collaborato al Sole 24 Ore, al Foglio e a diverse riviste letterarie. Dal 2001 è al Giornale. Insegna Teoria e tecniche dell’informazione culturale all’Università Cattolica di Milano. Nel 2007 ha pubblicato Il clan dei Milanesi (BookTime) e un racconto nell’antologia Pronti per Einaudi (Coniglio). Del 2010 è Manuale della cultura italiana (Excelsior 1881 editore), un dizionario per voci della società culturale italiana e dei suoi luoghi comuni. Ultimo libro Scegliere i libri è un’arte, collezionarli una follia. Ritratti d’autore dei peggiori bibliofili d’Italia (Biblohaus 2012).
• «Se si provasse un confronto tra le collane italiane fino agli anni ’60-70, e anche ’80-90 (ad esempio l’eccellente “Letterature” di Theoria o la “Collana praghese” di e/o), e quelle post-Duemila, ci sarebbe da preoccuparsi. È vero: grandi titoli continuano a uscire in collane come “Fabula” e la “Biblioteca Adelphi”, ad esempio, o “La memoria” di Sellerio (e sopravvive tenacemente, per la poesia, “Lékythos” di Crocetti, mentre “Poesia” di Garzanti ha chiuso), ma novità significative, negli ultimi 15 anni, se ne vedono poche (…) Intanto, i gloriosi (un tempo) “Meridiani” accolgono Eugenio Scalfari mentre “La Scala” di Rizzoli o “Stile libero” di Einaudi (a caso) per ogni titolo buono/ottimo, ne portano in libreria dieci inutili. Ma, naturalmente, questa è solo una nostra - altrettanto inutile – impressione» [Grn 30/6/2014].
• Adora la marmellata d’arance, le penne e il cinema.