Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  giugno 24 Sabato calendario

• Calcinate (Bergamo) 9 settembre 1978. Politico. Del Pd. Ministro della Politiche agricole, alimentari e forestali nel governo Gentiloni (dal 12 dicembre 2016) e nel precedente governo Renzi (2014-2016); già sottosegretario dello stesso ministero nel governo Letta (2013-2014). Eletto deputato nel 2013.
• Diplomato in Agraria, laureato in Scienze politiche.
• Nel 1994 venne eletto consigliere comunale del comune di Mornico al Serio, in provincia di Bergamo. Dieci anni dopo, nel 2004, è segretario provinciale dei Ds a Bergamo. Nel 2007 diventa segretario regionale del Partito Democratico. È consigliere regionale in Lombardia dal 2010 al 2013, quando si dimette in seguito alla sua elezione in Parlamento.
• Nonni contadini, padre operaio, all’ultimo congresso della Quercia «con le sue citazioni “moderne”, da Yunus a Obama, ha folgorato molti big. Uno per tutti il sindaco di Roma Walter Veltroni, che lo ha portato a esempio del Pd che verrà» (Angela Frenda).
• «Dopo un 2015 passato sotto i riflettori dell’Expo, Maurizio Martina ha avuto un 2016 scandito dal confronto con Bruxelles su una serie di dossier, dal latte alla Xylella, dalla pesca alle etichette, che toccano le vite di centinaia di migliaia di lavoratori. Un impegno che ha dato visibilità al giovane ministro arrivato con Renzi alla carica più importante dopo essere stato sottosegretario uscente al ministero delle Politiche agricole nel governo Letta. E che gli ha portato in dote la conferma al ministero di via XX Settembre» (Il Messaggero) [12/12/2016].
• Nel giugno 2015 ha fondato, all’interno del Pd, la corrente «Sinistra è cambiamento», «in cui sono confluiti anche ex-bersaniani disposti a sostenere Renzi al prossimo congresso. Non vogliono essere relegati in minoranza. Chi sono? Hanno detto sì a Martina, tra gli altri, il presidente della commissione Lavoro della camera, Cesare Damiano, Matteo Mauri, vicecapogruppo Pd alla Camera, il sottosegretario alle Infrastrutture Umberto Del Basso De Caro, il componente la segreteria Pd Enzo Amendola, Annamaria Carloni, compagna dell’ex governatore della Campania Antonio Bassolino e deputata Pd, Rosetta D’Amelio, presidente del consiglio regionale della Campania» (Giorgio Ponziano) [Iog 23/2/2016].
• «Nel ’93, appena morto Paolo Borsellino, organizzò un viaggio a Palermo dove coi compagni inscenò uno spettacolo teatrale sulla legalità. Lui aveva la parte di un agente di scorta. Invece di condurre il giovane Maurizio verso la gloria dei palcoscenici, l’evento lo conquistò alla passione civile. Dice di aver letto e sottolineato tutto Gramsci. Potrebbe farne uno scattante bignami per Renzi» (Mattia Feltri e Massimo Gramellini) [Sta 22/2/2014].
• Tifosissimo dell’Atalanta.