Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

• Rivoli (Torino) 15 settembre 1934. Notaio. Presidente della Fondazione Cassa di risparmio di Torino. Dal 2012 membro del Consiglio di sovrintendenza dello Ior. Uno degli uomini più potenti del capoluogo piemontese. È consigliere d’amministrazione di Editrice La Stampa e Reale Immobili (gruppo Reale Mutua); in passato in Ifil (poi Exor), San Paolo, Unicredit ecc.
• «Negli archivi dei giornali si possono rintracciare tantissimi articoli che parlano di lui ma poche interviste. Qualcuno lo dice vicino al potere fino ad esserne parte. Se è così, il problema è l’uso che se ne fa e la capacità di maneggiarlo senza renderlo odioso. E spiega in larga parte quell’assenza di nemici, chiave di lettura del percorso che lo ha portato a ricoprire un elenco di incarichi, pubblici e privati, tale da poter essere rintracciato e ricostruito solo con l’ausilio di internet (…) Dicono si stupisca anche lui di far parte dell’esclusivo Circolo del Whist non vantando quarti di nobiltà. Infatti è un borghese, transitato dalla vecchia accezione di questo termine alla modernità dei tanti ruoli che è stato chiamato a ricoprire e nei quali non ha mai privilegiato la conservazione. Anzi ha sperimentato, innovato, qualche volta inventato (…) Ricorda anche con orgoglio di avere riordinato, ancora giovane, la biblioteca di Luigi Einaudi a Dogliani, lui figlio di una signora che era di quella cittadina delle Langhe» (Salvatore Tropea) [Rep 3/12/2012].
• Sposato con Mariella Cerutti (rotative), due figlie: Terry (giornalista di Panorama) e Valentina (analista finanziario).