Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

• Marsala (Trapani) 13 luglio 1962. Allenatore di calcio. Due promozioni in C1 (Paternò 2002, Foggia 2003), nel 2006 riportò in A il Catania (mancava dal 1984), nel 2007 lo condusse alla salvezza.
Dal 2007 al 2010 all’Udinese. Poi, tre esoneri: Parma (2011), Genoa (2012) e Pescara (2014).
•«Ultimo profeta della zona» (Alessio D’Urso), nel 2002 un’analisi al computer proclamò il suo Paternò la squadra con il gioco migliore del continente.
• «Lo spettacolo o il risultato? Il risultato, non sono ipocrita. Però so che ci si può arrivare soltanto attraverso il gioco. Se improvvisi, ti possono andare bene 5 o 6 gare, ma in un campionato ce ne sono 38».
• «Io un uomo triste? Nelle interviste ho rispetto di chi batto e se perdo sono troppo arrabbiato, ma non sono sempre così, anzi. Come potrei essere triste, faccio un lavoro che mi diverte da matti» • Sposato, due figlie.