Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 10 Domenica calendario

• Milano 30 novembre 1939. Notaio. Ex presidente di Rcs MediaGroup (dal 2004 al 2012). Presidente della Fondazione Corriere della Sera. Professore di diritto commerciale dell’Università Bocconi.
• «Per anni si è mosso dietro le quinte. Mente fina, ispiratore occulto di tante leggi che hanno rinnovato la finanza italiana, vicinissimo all’ex Via Filodrammatici ma anche ascoltato consulente di Bankitalia e Consob» (Elena Polidori).
• «Figlio d’arte. Il padre Carlo ebbe il suo quarto d’ora di celebrità come “signor no” nel Lascia o raddoppia? televisivo di Mike Bongiorno, 191 puntate che cambiarono il costume degli italiani e rilanciarono il ruolo del notaio. E fu rispondendo senza mai sbagliare ai più astrusi quiz giuridici che Marchetti, nella prima parte della sua vita professionale, fino a 36 anni, lavorando a tempo pieno all’Università Bocconi, si fece notare dai colleghi. Fu in Bocconi che lo individuò Ariberto Mignoli, il grande civilista che ha praticamente inventato il patto di sindacato di Mediobanca, coinvolgendo Marchetti nella progettazione; e tramite Mignoli arrivò il sodalizio con Guido Rossi, che lo volle come superconsulente nella creazione della Consob. Attraverso la doppia esperienza di Mediobanca e della Consob lo conobbe Mario Draghi che, da direttore generale del Tesoro, lo volle dal 1993 al 1996 nel Comitato per le privatizzazioni. Quindi Mignoli e Rossi prima, Draghi poi, hanno visto nel “personaggio Marchetti” quell’insieme di caratteristiche (professionalità, indipendenza, equilibrio, mediazione, estraneità a lobby e fazioni) che lo hanno proiettato fin dov’è oggi» (Angelo Curiosi).
• Sposato con Ada Gigli, docente di Storia del giornalismo (e laureata con una tesi su L’organizzazione sindacale dei tipografi).