Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• (Carlo Malinconico Castriota Scanderbeg) Roma 31 maggio 1950. Manager, avvocato. Dal 2008 al 2011 presidente della Fieg. Professore di Diritto dell’Unione Europea alla facoltà di Legge dell’Università Tor Vergata di Roma fino all’ ottobre 2011, quando viene collocato - su sua richiesta - in pensione. Continua a svolgere gratuitamente l’insegnamento in corsi di laurea in giurisprudenza. È stato segretario generale di Palazzo Chigi dal 2006 al 2008, capo del dipartimento Affari giuridici e legislativi della presidenza del Consiglio dal 1996 al 2001, consigliere di Stato dal 1985 al 2002.
• Il 28 novembre 2011 diventa Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio (governo Monti), fino al 10 gennaio 2012, giorno in cui è costretto a dimettersi a causa dello scandalo che riguarda alcuni suoi soggiorni tra il 2007 e il 2008 all’hotel Pellicano di Porto Ercole, pagati dal costruttore Francesco De Vito Piscicelli per conto di Angelo Balducci, a sua volta coinvolto nello scandalo della cricca del G8, al quale Malinconico avrebbe potuto fare favori nella sua veste di segretario generale di Palazzo Chigi.
• Da ultimo è tornato a lavorare a tempo pieno nello studio legale da lui fondato nel 2003. • Ama la pallavolo, praticata da giovane, e i Beatles. «Tra i classici della letteratura, prediligo particolarmente James Joice, che - e forse non è un caso - ha vissuto a lungo a Trieste…».