Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

Mara Maionchi

Biografia di Mara Maionchi

• Bologna 22 aprile 1941. Produttrice discografica. Molto popolare per la partecipazione al programma tv X Factor. «Questa roba di andare in tv a 67 anni un po’ me le fa girare. Dopo un giorno mi era già venuta voglia di andare dal chirurgo plastico».
• «Gli addetti ai lavori, nel mondo della discografia, la conoscono bene: ha lavorato con i più grandi artisti (Mogol, Battisti, De André), ha scoperto e lanciato Gianna Nannini e Tiziano Ferro. “Animale” musicale, fiuto, simpatia, modi spicci. Di fianco a lei scolorisce (un po’) perfino un vulcano come Simona Ventura. Le due non sono quasi mai d’accordo su nulla, ma si piacciono. “Simona è molto simpatica, mi fa molto ridere”. Con Morgan poi ci sono scontri epici. Per la verità lei lo prende in giro, gli dice che viene dalla Transilvania, “con quel suo stile vampiresco”. Ma precisa: “Ci vogliamo molto bene”. Super blobbato e ormai cult è il suo “vaffa” esploso in diretta quando le hanno eliminato una delle sue ragazze» (Maria Volpe).
• «Mi ha sorpreso essere così “blobbata”, essere diventata personaggio. Me ne accorgo al supermercato. Dopo la prima puntata non mi riconosceva nessuno, oggi invece...».
• Nel 2009 ha pubblicato un’autobiografia, Non ho l’età (Rizzoli), dal nome della sua casa discografica.
• Sposata col paroliere Alberto Salerno (Milano 1950), autore tra l’altro di Avevo un cuore (portata al successo da Mino Reitano), Io vagabondo (Nomadi), Bella da morire (Homo Sapiens, vincitrice del Festival di Sanremo 1977), Terra promessa (Eros Ramazzotti), Senza pietà (Anna Oxa, vincitrice del Festival di Sanremo 1999).