Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• Rotondi Valle Caudina (Avellino) 16 febbraio 1948. Scultore.
• «Lasciata Napoli con in tasca il diploma dell’Accademia, se ne va a Torino, attratto dall’atmosfera avanguardistica che si respira nel capoluogo piemontese. Le sue prime esposizioni performance consistono nel fare erodere dall’acqua calchi in gesso di se stesso, o nel farli precipitare da una certa altezza (come, nel 1977, alla Civica galleria d’arte moderna di Bologna)» (Sebastiano Grasso).
• «Non ha mai voluto identificarsi nei diversi movimenti con cui si è cercato di definire l’arte contemporanea: Arte povera, Transavanguardia ecc. È un solitario, un attore da monologo che ama cambiare, non vuole sentirsi stretto dentro una forma, una tecnica, un materiale» (Lea Mattarella).
• Per i 150 anni dell’Unità d’Italia il Palazzo Madama di Torino ha ospitato, da aprile a novembre 2011, una sua grande installazione dal titolo Torino che guarda il mare.