Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Bareggio (Milano) 15 luglio 1931 - Como 11 novembre 2008. Vescovo. Ordinato sacerdote nel 1955, docente di Teologia all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, dall’83 vescovo di Carpi, dall’89 al 2007 vescovo di Como. Membro della Commissione episcopale per la cultura e le comunicazioni sociali, è autore di diverse pubblicazioni tra le quali Le preghiere della gente e Declino e speranza del cattolicesimo.
• «“Non c’è una concezione democratica dell’islam. Quando sono in minoranza stanno al gioco, ma quando diventano maggioranza impongono una specie di teocrazia. Dieci anni fa, in un discorso alla città, avevo posto il problema, dicendo che bisognava pensare con esattezza l’incontro con l’islam: un incontro tra culture diverse”. Gli diedero dello xenofobo, del vescovo leghista. Ma monsignor Alessandro Maggiolini era tranquillissimo nel rischiare l’impopolarità, perché vedeva dove si andava a parare. “Ora, non è che i musulmani siano solo questo, ma certamente la cultura musulmana ha dei germi che spiegano i kamikaze, le rivolte per le vignette. Abbiamo perso dieci anni prima di capire che creare delle moschee significava non solo creare centri di elaborazione culturale, ma anche di elaborazione armata. Non dappertutto, si capisce, però la guerriglia è nata anche lì».
• «Quando sento che per descrivere un laico si dice: è uno che vuole l’aborto, l’eutanasia... Uno così si presenta come paladino del futuro, ma in realtà è un becchino. Lo vuole distruggere, il futuro. È il pensiero debole, il dubbio su tutto, il rifiuto di qualsiasi norma morale che l’uomo contiene in sé e gli indica gli orientamenti di fondo. Io dico che una civiltà così ha soltanto il dovere di morire. Anche il diritto, ma soprattutto il dovere: perché non si capisce cosa stia facendo di utile» (da un’intervista di Maurizio Crippa).