Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

Luigi Musso

Roma 29 luglio 1924, Reims (Francia) 6 luglio 1958. Pilota. Debutto in Formula 1 nel ’53 a Monza (4 giri sulla Maserati di Sergio Mantovani, 7° posto finale), nel ’54 fu terzo nella Mille Miglia vinta da Alberto Ascari (sempre su Maserati). Passato alla Ferrari nel ’56, fu terzo nella Mille Miglia vinta Eugenio Castellotti davanti a Peter Collins (tutti su vetture di Maranello) e vinse in coppia con Juan Manuel Fangio il primo Gp di Formula 1 dell’anno, a Buenos Aires. Nel ’58 aprì la stagione con i secondi posti nel Gp d’Argentina (il 19 gennaio dietro la Cooper-Climax di Stirling Moss) e di Monaco (il 18 maggio dietro la Cooper-Climax di Maurice Trintignant), in mezzo vinse la Targa Florio (11 maggio in coppia con Olivier Gendebien). Una settimana in testa alla classifica del mondiale di F1, il 25 maggio fu settimo a Zandvoort (Gp d’Olanda), quindi saltò la prova di Indianapolis e fu fermato da un incidente a Spa-Francorchamps (Belgio). Il 6 luglio, Gp di Francia a Reims, gli fu fatale un incidente al quinto giro (morì poche ore in ospedale).

Biografia di Luigi Musso

Roma 29 luglio 1924, Reims (Francia) 6 luglio 1958. Pilota. Debutto in Formula 1 nel ’53 a Monza (4 giri sulla Maserati di Sergio Mantovani, 7° posto finale), nel ’54 fu terzo nella Mille Miglia vinta da Alberto Ascari (sempre su Maserati). Passato alla Ferrari nel ’56, fu terzo nella Mille Miglia vinta Eugenio Castellotti davanti a Peter Collins (tutti su vetture di Maranello) e vinse in coppia con Juan Manuel Fangio il primo Gp di Formula 1 dell’anno, a Buenos Aires. Nel ’58 aprì la stagione con i secondi posti nel Gp d’Argentina (il 19 gennaio dietro la Cooper-Climax di Stirling Moss) e di Monaco (il 18 maggio dietro la Cooper-Climax di Maurice Trintignant), in mezzo vinse la Targa Florio (11 maggio in coppia con Olivier Gendebien). Una settimana in testa alla classifica del mondiale di F1, il 25 maggio fu settimo a Zandvoort (Gp d’Olanda), quindi saltò la prova di Indianapolis e fu fermato da un incidente a Spa-Francorchamps (Belgio). Il 6 luglio, Gp di Francia a Reims, gli fu fatale un incidente al quinto giro (morì poche ore in ospedale).