Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

Mario Lusek

Biografia di Mario Lusek

• Petritoli (Fermo) 30 novembre 1951. Prete. Responsabile dell’ufficio Turismo, sport, tempo libero e pellegrinaggi della Cei. Cappellano degli azzurri alle Olimpiadi di Pechino, a quelle invernali di Vancouver, ai Giochi del Mediterraneo di Pescara, ai Campionati Mondiali di Atletica di Berlino e alle Olimpiadi di Londra. Collabora con alcune riviste su temi riguardanti i giochi, lo sport, il tempo libero.
• «Il cognome lo deve a suo padre Stanislao che, giovanissimo soldato polacco, risalì la penisola con gli eserciti alleati e conobbe sua madre Bernardina. Si fermò nelle Marche. “Non è mai tornato in Polonia e non è mai diventato italiano, è morto da apolide”».
• «Don Mario studia lo sport, se ne interessa, ma non lo pratica. Colpa di una disciplina di cui era appassionato da ragazzo. “La moto. Avevo una Gilera 125, mi piacevano molto le due ruote. Tornavo dal seminario a casa, a Petritoli, provincia di Fermo, e sono scivolato in curva. Ora ho tre placche e dodici viti in una gamba e lo sport lo seguo solo per missione e per passione”» (Roberto Perrone) [Cds 5/8/2008].
• Nel gennaio 2010 Premio speciale nel ricordo di Candido Cannavò.
• Tifoso dell’Inter.