Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Roma 11 gennaio 1922 – 11 ottobre 2008. Sceneggiatore. Regista. Diploma in regia all’Accademia d’arte drammatica Silvio D’Amico, nel 1949 direttore del Teatro Stabile di Firenze, fu critico de l’Unità. Fra i suoi spettacoli: Madre coraggio e i suoi figli (1952, primo allestimento italiano di un testo di Bertolt Brecht). Attivo in radio (Rai), lavorò spesso con Vittorio Gassman, attore nel biopic Di padre in figlio firmato nel 1982 da Vittorio e Alessandro.
• Anche attore nel film del ’69 L’alibi, scritto e diretto con Adolfo Celi (1922-1986) e Vittorio Gassman (1922-2000) «Tre teatranti, che condividono l’anagrafe (1922), l’Accademia d’arte drammatica, bollori e speranze di gioventù, intrallazzi col cinema di consumo, si sono tagliati addosso un film-confessione in altalena tra verità (sincerità) e finzione (gioco). L’autoritratto più compatto è quello di Celi, il più sofferto di Lucignani, il più arroventato è di Gassman» [il Morandini 2009].
• Ha fondato e diretto l’Accademia d’arte drammatica della Calabria di Palmi (RC).