Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  settembre 25 Martedì calendario

• Caselle Lurani (Lodi) 10 agosto 1942. Ex calciatore. Ora opinionista. Centrocampista, con il Milan vinse due scudetti (1962, 1968), due coppe dei Campioni (1963, 1969), una coppa Intercontinentale (1969), una coppa delle Coppe (1968) ecc. Con la Nazionale (17 presenze, 2 gol) fu campione d’Europa (1968). Finì la carriera nella Sampdoria.
• «Correva e correva. Tutta la vita di corsa» (Germano Bovolenta).
• «Don Giovanni Delle Donne si chiamava il prevosto. Nonché proprietario del mio cartellino. la domenica giocavo due partite, al mattino coi ragazzi, al pomeriggio con quelli più grandi. Non mi è mai pesato. Poi ho lavorato da garzone meccanico per dare una mano in casa. Eravamo quattro fratelli, due sono morti giovani. Mio padre era falegname. El dané dana, ripeteva mia madre, il danaro danna, ma forse era un modo per consolarsi di essere poveri. Il mio primo ingaggio me l’ero trovato con la Pejo, a Milano. Quando sono andato a dirlo al prevosto ha tirato un pugno sul tavolo che sembrava un tuono. Niente da fare, per te ho altri piani. Cioè il Milan, un anno dopo. Mi ricordo che c’era la festa di san Giuseppe e arriva un dirigente del Milan, Trapanelli. Mi hanno pagato centomila lire e una muta di maglie. Ma l’esame vero fu due mesi dopo, al campo Scarioni. Promosso. Al Milan ho trovato i due allenatori che mi hanno insegnato di più. Nelle giovanili, Mario Malatesta e poi Liedholm, che curava molto la parte tecnica. Mi aveva ribattezzato Bikila» (a Gianni Mura) [Rep. 17/3/2014].
• Nel 70, dopo essere stato escluso dai Mondiali in Messico anche il Milan gli dà il ben servito, «a 27 anni mi brucia definitivamente la carriera, mi cambia la vita. Senza avvertirmi mi cede alla Samp: addio scudetti, nazionale, da allora avrei giocato solo per salvarmi.
• Spesso a Diretta Stadio su 7Gold: «Oggi fa l’opinionista e cerca di ragionare, quando gli urlatori glielo consentono» (Roberto Perrone) [Cds 3/7/2012]. S
• Presidente del Circolo della Spada Lodetti, dove ragazzi disabili e non gareggiano tra loro [Cds 30/5/2011].
• Sposato con Rita dal 1967, un figlio Massimo (1970): « Ci siamo conosciuti davanti a un juke box, la nostra canzone era Il mondo di Jimmy Fontana». Ama la fotografia, la cucina e il giardinaggio. Giaca anche a tennis.