Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

Marco Liorni

Biografia di Marco Liorni

• Roma 6 agosto 1965. Conduttore radiofonico e tv. «Quando ho iniziato a lavorare in radio ero Marco Donati. Il proprietario di Tele Radio Domani diceva che il mio cognome non si capiva bene, ce ne voleva uno più semplice». Visto in Verissimo, Eroi per caso, Grande Fratello ecc. Da ultimo conduttore di I love you – Ama e fai ciò che vuoi (Raiuno, 2013/2014) e Immortali con Perla Pendenza (Rai Premium, primavera 2014).
• Per sette anni si è occupato dei collegamenti esterni del Grande fratello. «Il GF è stato come il verismo nella letteratura o il neorealismo nel cinema: ha mostrato come parla la gente normale, sdraiata sul divano con l’alone di sudore sotto le ascelle».
• Ha condotto il reality The Singing Office (Sky Vivo) in cui i dipendenti di alcune grandi aziende si sfidano sulle note di brani musicali famosi.
• Nel 2009 è passato in Rai occupandosi di diversi programmi tra cui La vita in diretta ed Estate in diretta.
• «Sì, è vero, la tv è maschilista: il maschio fa il giornalista e la femmina la valletta, il maschio è quello che dice le cose serie, la femmina è quella che deve alleggerire, il maschio conduce, la femmina deduce. Però c’è un caso umano, una sofferta eccezione cui va tutta la nostra solidarietà: Marco Liorni. È una vita che tenta di dire la sua, ma c’è sempre una donna che lo sovrasta. Adesso sta conducendo La vita in diretta su Raiuno: poteva essere la sua grande occasione, una vetrina per dimostrare tutte le sue qualità. E invece... Invece ha incontrato Mara Venier che lo sovrasta in tutti i modi: fisicamente, con la sua risata incontinente, nell’eloquio, persino quando si confronta con gli ospiti. Marco è un timidone, ben educato, preferisce ritirarsi» (Aldo Grasso) [Cds 28/10/2011].
• «Da piccolo mettevo un soldatino davanti a un libro aperto (che era la scena), sotto a una lampadina (che era un riflettore) e costringevo mio fratello (che era il regista) a giocare con me».
• Tre figli: Niccolò, Emma e Viola.
• Romanista.