Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

Castellammare di Stabia (Napoli) 2 marzo 1967. Attore. Autore e regista teatrale. Nell’estate 2008 è tornato dopo dieci anni su Amleto con un colossale Progetto non essere. Hamlet’s portraits (visto al Festival delle Colline Torinesi e poi a Cividale del Friuli per il Mittelfest), rivisitazione in sei spettacoli del dramma shakespeariano, «dodici ore di allestimento incentrate sui vari personaggi, undici quadri totali, ripartiti in sei serate consecutive». Tra gli ultimi spettacoli: Auguri e figli maschi. Sei sguardi d’autore sul fondamentalismo, Francamente me ne infischio, 5 movimenti liberamente ispirati al romanzo Via col vento di Margaret Mitchell, C’è del pianto in queste lacrime, presentato al Teatro Stabile di Napoli. «Io non sono un artista. La bellezza e il dolore del teatro è che fai cose che non restano, non ti sopravvivono».
Dal 1999 a oggi ha messo in scena Otello e Romeo e Giulietta di Shakespeare, I Negri e Querelle di Genet, Porcile di Pasolini, Aspettando Godot di Becket, Un tram che si chiama desiderio di Tennessee Williams ecc. Nel 2004 debuttò nella regia lirica con un Orfeo di Monteverdi all’Opera di Lione.
Dal 2004 vive a Berlino. Scrive e dirige opere anche in lingua tedesca.