Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Archi (Chieti) 8 ottobre 1948. Sociologo. Giornalista. Ex senatore (eletto nel 2008 con l’Idv). Fondatore e presidente dell’Adusbef (Associazione difesa utenti servizi bancari e finanziari, nata nel 1987), a suo dire «una spina nel fianco della finanza corsara». Direttore responsabile di Teleambiente, emittente televisiva privata specializzata nelle tematiche ambientali.
• «Figlio di contadini, un passato da bancario e un presente da paladino dei consumatori. Alto, un po’ melanconico, tenace e puntiglioso, è da molti anni noto sia in Parlamento che negli uffici legali delle grandi imprese. Una laurea in Sociologia, comunista convinto, dopo aver fatto l’impiegato e il sindacalista al Banco di Roma, insieme a un gruppo di amici di Democrazia proletaria fu tra i pionieri del movimento dei consumatori in Italia. È stato poi il fondatore dell’Adusbef e ha partecipato attivamente all’avventura del settimanale Avvenimenti» (Roberto Seghetti).
• Tra il 2007 e il 2008 ha fatto parte del comitato Fondi dormienti delle banche, istituito dal ministero dell’Economia.
• «Uno così non poteva non avere un filarino con Antonio Di Pietro. I due si incontrarono nel ’98 sul terreno comune. Entrambi sapevano quanto è dura la terra. Entrambi erano stati emigranti in Germania. Entrambi si erano riscattati negli allori accademici, Di Pietro laureandosi in Legge, Lannutti in Sociologia con Franco Ferrarotti. E poi erano affratellati da un’ansia di giustizia dai tratti raggelanti» (Mattia Feltri).
• Si è poi avvicinato al Movimento 5 Stelle: «Con Di Pietro ho condiviso un tratto del mio percorso. L’ho abbandonato quando ho scoperto che non era diverso dai partiti che combatteva. Grillo lo conosco da una vita. La prima volta me lo ritrovai di fianco a un’assemblea dei soci della Stet a protestare contro le ruberie perpetrate con i numeri 144. I grillini, nonostante qualche errore, sono l’ultima speranza di questo Paese. Lottano per l’onestà, la trasparenza e la moralità della politica, contro la corruzione e quelli che hanno distrutto l’Italia. Sono persone perbene e preparate, che continuano a condurre esistenze da cittadini normali e non da privilegiati» (a Gianluca Roselli) [Fat 29/1/2015].
• Tra i dieci candidati alle “quirinarie” online del Movimento Cinque Stelle nel gennaio 2015.
• Autore de La Repubblica delle banche. Fatti e misfatti del sistema bancario (Ariana Editrice, 2008, introduzione di Beppe Grillo), Bankster (Editori Riuniti, 2010) e Diario di un senatore di strada (Castelvecchi, 2014).
• Sposato con un’insegnante di francese, un figlio.