Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

Rovato (Brescia) 15 ottobre 1965. Politico. Della Lega. Dal 2004 sindaco di Adro (Brescia).
• Scatenò polemiche nel 2010 la sua decisione di decorare il nuovo polo scolastico del paese (intitolato a Gianfranco Miglio) con settecento Soli delle Alpi, quelli che stanno al centro del simbolo elettorale della Lega. Il 25 ottobre 2013 la Corte dei Conti ha condannato Lancini e sei assessori della sua giunta al risarcimento di 10.500 euro per la rimozione dei simboli e il pagamento delle spese legali.
• «Ha da tempo vinto l’oscar di ultrà all’interno di un partito, la Lega, dove gli ultrà non solo abbondano ma non fanno neppure nulla per nascondersi. Prima ha istituito la taglia di 500 euro per i vigili urbani che stanano i clandestini. Poi ha mandato a mangiare a casa i bambini figli di genitori (quasi tutti immigrati) morosi nel pagare la retta della mensa scolastica. Quindi ha preso direttamente in carico – come Comune – la gestione della stessa mensa scolastica e ha deciso che possono sì mangiare tutti, ma solo un menù padano, il che ha fatto infuriare gli immigrati, costretti a scegliere se mangiare maiale o digiunare» (Michele Brambilla) [La Stampa 25/9/2010].
• «Dal sito dei Comuni d’Italia si ricava che Oscar Lancini ha la licenza di scuola media e fa l’imprenditore. L’impresa è quella di famiglia, la Elg (Eredi Lancini Giancarlo), dal 1993 autorizzata dalla Regione Lombardia a smaltire rifiuti liquidi speciali. Sulla Elg pendono due processi e un’inchiesta per smaltimento illegale di rifiuti. Il processo più antico vede alla sbarra il sindaco Lancini, in veste di “responsabile tecnico” della Elg, e lamadre, in qualità di titolare dell’azienda. (...) Nei due processi il Comune di Adro si è costituito parte civile. Dunque, il sindaco chiede i danni a se stesso. In più, la giunta monocolore leghista ha nominato i periti e gli avvocati che dovrebbero difendere gli interessi dei 6.900 abitanti di Adro contro il primo cittadino, i suoi parenti e la loro azienda» (il manifesto) [2/11/2006].
• Candidato al Senato con la Lega alle politiche 2013, non eletto.