Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

Napoli 6 agosto 1937. Archeologo. Ex soprintendente archeologico di Roma (1976-2005). Noto come ”Signornò” e gran censore di ogni intervento stonato dell’amministrazione. Dal febbraio 2012, consulente «a titolo gratuito» nel I Municipio di Roma
• Polemiche nell’aprile 2009 per la sua residenza al Palatino (sopra il museo accanto alla Domus di Augusto, affitto 500 euro al mese): «(...) Una camera, un soggiorno, un corridoio, cucina, bagno e servizi, insomma 130 metri quadri a equo canone sul sommo colle (...) Sistemazione di grande effetto, sullo skyline del gran colle della Roma più antica: senz’altro un privilegio (...) ”Questa casa è stata abitata già da altri sovrintendenti. Io l’ho solo ridotta in superficie facendo acquisire più spazio al la biblioteca sul Palatino, allestita nel resto del secondo piano. Nel 2004, alla vigilia della scadenza dei limiti di età, ho comprato una casa a Porta Latina. Poi è uscita la legge che consentiva di essere trattenuti in servizio e il ministro Urbani prima mi prorogò l’incarico; poi a inizio 2005 decise di revocarlo, sostituendomi con Angelo Botti ni. Ho accolto il mio successore accompagnandolo prima in uf ficio e poi nell’appartamento. ”Lo vuoi tu?’, gli chiesi: ”in tal caso me ne vado via subito’, aggiunsi. Ma Bottini: ”No, vado io in un altro alloggio mai utilizzato a Palazzo Altemps”. E così è stato. Del resto io avevo un contratto fino al 31 dicembre 2009. E poi, in quel momento, avrei potuto perfino fare ricorso con tro la proroga del ministro... (...) ce l’hanno con me (...) Solo perché ho protestato contro il commissariamento fasullo della Roma archeologica (...)» [Paolo Brogi, ”Corriere della Sera” 16/4/2009]