Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

Marina Jarre

Biografia di Marina Jarre

• Riga (Lettonia) 21 agosto 1925. Scrittrice. Ultimo libro: Fuochi (Claudiana, 2014).
• «Figlia d’un padre di famiglia russo-lettone ed ebrea (Samuel Gersoni, cognome che va pronunciato con suono gutturale) e di una madre italiana di famiglia valdese (Clara Coïsson, traduttrice per Frassinelli ed Einaudi di molti classici tedeschi e soprattutto russi, da Cechov a Tolstoi, da Dostoevskij a Pasternak, da Turgenev, a Bulgakov), la sua educazione è stata multanime e multilingue. In seguito al patto Molotov-Ribbentrop la Lettonia è considerata zona di influenza sovietica e nel 1940 viene annessa all’Urss come quindicesima repubblica. Solo un anno dopo è occupata dai tedeschi che la tengono fino alla fine della guerra quando tornerà a far parte dell’Unione Sovietica (è diventata nuovamente indipendente nel 90-91). Le due figlie (Marina e la sorella minore Sisi) vengono portate dalla madre in Italia e affidate alla nonna, crescendo lontane dal padre e dalla sorellina Irene, che Samuel Gersoni ha avuto da un’altra donna» (Giovanni Tesio). Segnata da questa separazione, parla del padre nei romanzi autobiografici (per Einaudi): Ritorno in Lettonia (2003), Un leggero accento straniero (1972) e I padri lontani (1987).
• Nel 2004 finalista della XXIII edizione del Premio Grinzane Cavour per la sezione narrativa italiana insieme a Elena Gianini Belotti e Andrea Vitali.
• Sposata con Giovanni Jarre, quattro figli.