Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

Simona Izzo

Biografia di Simona Izzo

• Roma 22 aprile 1952. Attrice. Doppiatrice. Sceneggiatrice. Vinse il David di Donatello come miglior regista esordiente per Maniaci sentimentali (1994). Del 2007 l’ultimo film da regista: Tutte le donne della mia vita. Sceneggiatrice del film Il padre e lo straniero (2011) e della serie tv Il caso Tortora – Dove eravamo rimasti? (Raiuno, 2012), entrambi diretti dal marito Ricky Tognazzi. Recentemente vista spesso ospite a Domenica In (Raiuno) e poi col figlio Francesco a Pechino Express (Raidue). «Siccome sono una narcisista, anche quando scrivo degli altri scrivo di me, sempre».
• Figlia di Renato, insegnante di Doppiaggio e fondatore della “Pumais due”. Sorella di Rossella (Roma 22 aprile 1953), Fiamma e Giuppy (vedi schede). Sua la voce di Kim Basinger in Nove settimane e ½.
• Già moglie di Antonello Venditti (da cui ha avuto il figlio Francesco Saverio), adesso sposata con Ricky Tognazzi. Ebbe una lunga storia con Maurizio Costanzo (non si sposarono perché lei non aveva ancora ottenuto il divorzio da Venditti): «Purtroppo ottenni il divorzio quando la storia era finita. Io sono per il matrimonio, ci credo, ha un valore semantico. Poi non cambia lo stato delle cose, però vuoi mettere poter dire “mio marito”? Nel sostantivo c’è qualcosa di ultimativo. È una liturgia. Lo stesso che comprare casa anziché affittarla».
• Venditti le dedicò diverse canzoni: «Il suo primo successo, Lilly, lo scrisse quando ci sposammo».
• «Sono vissuta in una famiglia matriarcale: fra tre sorelle, una madre, una infinità di zie ho imparato a capire le donne meglio degli uomini. Mi sono dannata a lungo perché gli uomini non conoscevano l’amore edificatorio, oblativo, immotivato che noi donne invece pratichiamo. Poi ho incontrato Ricky che ha un lato femminile nella sua personalità e finalmente sono stata bene. Come me Ricky è monogamo, pantofolaio, affettuoso. Per di più è mezzo inglese quindi ben educato, rispettoso, discreto».
• «Flavia, l’ex moglie di Ricky, ha lavorato con me, abbiamo parlato per ore del marito che abbiamo condiviso. Prima c’era la gelosia retroattiva. Ricky va d’accordo con Antonello, lo invita ai suoi concerti. Noi siamo un po’ speciali anche perché anche le mie sorelle sono separate: e con gli ex mariti e i figli, la nostra è una gigantesca famiglia allargata fatta di famiglie ricomposte».
• «Sono pervasa da una lieve maniacalità che mi fa comprare lo stesso, anche se magari in saldo, e fare mutui, investire sul mio lavoro, scrivere e poi però dire no al macchinone, no alle spese inutili, no agli sprechi in un globale atteggiamento ecologico verso la vita che avevo anche prima della crisi e che cerco di trasmettere ai figli».
• Per la propria cosmesi utilizza colostro di vacca (Panorama).
• Ha ammesso di essere ricorsa al lifting.
• Anche libri, l’ultimo, Quando l’amore non aspetta (Sperling & Kupfer, 2010) scritto con l’urologo Vincenzo Mirone.
• Vittima di ripetuti furti nella sua villa a Casal Lumbroso, dorme col marito in una camera blindata. Una villa anche a Favignana.
• Vista in diverse manifestazioni contro la discarica di Malagrotta, non lontano da casa sua.