Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

• Milano 3 luglio 1935. Pianista. Compositore. Direttore d’orchestra. Di musica jazz. Noto per la collaborazione artistica con il chitarrista Franco Cerri (Milano 29 gennaio 1926).
• «(...) È sulle scene musicali da metà anni Cinquanta. (...) Qual è lo scopo della musica (...)? “Credo valga per ogni arte: rifiutare di chiudersi e prestare ascolto al nuovo. Uscire dalle gabbie arricchisce. L’obiettivo però deve essere quello di farlo cercando anche un proprio linguaggio. Io da musicista lo perseguo partendo dal suono come base, e dando sfogo all’improvvisazione istantanea. Dentro quella sorta di esperanto comune che è il jazz. (...) Le regole ci sono anche nel jazz. Però dietro esse c’è ancora spazio per comporre mentre si suona, ed usando i più disparati materiali. Per cercare con l’istinto nuove strade ma partendo da un terreno noto e rispettato. E sono proprio queste regole, che rendono liberi. Altrimenti si fa un minestrone: come Einaudi, Allevi, Nyman. Maestri di marketing, non di linguaggio (...)”» (Andrea Pedrinelli) [Avv 15/3/2009].