Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  novembre 20 Lunedì calendario

• Duo pop formato da Gianluca De Rubertis (Matino, Lecce, 14 novembre 1976) e Alessandra Contini (Lecce 1976), noto per il brano Pop Porno (tormentone di Quelli che il calcio edizione 2008/2009).
• «(...) Entrambi di Lecce ma trapiantati a Milano, stilosi, belli e giovani. Certo: dietro l’angolo c’è lo spettro di Iris Blond – insomma il modello Verdone-Gerini, lui troppo imbranato per poter aspirare all’olimpo pop e lei troppo vana per restarci più di un secondo, ma in fondo il doppio misto è un formato nobilissimo (...). E poi la citazione godardiana, la sensualità di Alessandra, l’aplomb (e i favoriti) di Gianluca, e quella canzoncina Pop Porno (...) un tormentone nazionale (“Tu se cattivo con me perché / ti svegli alle 3 / per guardare quei film / porno”), semplice base electrodance e la cantatina sussurrata di lei, condita, da tante mossettine, un eccellente passo a due e una melodia che ti si attacca nel cervello e non c’è verso di farla uscire. La buona notizia è che dietro questi tre minuti di perfetto citazionismo c’è altro, ovvero un buon album d’esordio, uno spropositato amore per la pariginità di Serge Gainsbourg (Gianluca canta con lo stesso vocione e il laissez faire)» (Stefano Pistolini) [Fog 9/12/2008].
• «“Per il testo del nostro hit si sono addirittura scomodati dei sociologi (...) Si è scatenato un polverone pazzesco per un pezzo che in fondo è una ‘minchiatina’”, insiste De Rubertis (...) “Pop Porno parla di un uomo che si alza dal letto matrimoniale alle 3 di notte per guardare un film a luci rosse. Su questa strofa ho letto dissertazioni fantasiose tipo: è la fotografia di uno stato di grave crisi della coppia. Pura fantasia. Anche perché il pezzo non è mai stato composto. È nato durante una serata di chiacchiere in libertà davanti a un tavolo con due bottiglie di vino. Ebbene sì, l’abbiamo fatto in cucina, nella casa milanese di Alessandra. Non l’amore, ma il nostro singolo. Che in realtà è una serie di frasi sconnesse che abbiamo messo insieme all’ultimo momento quando il nostro album (...) era fatto e finito. (...)”. Niente vertigini da successo lampo, dunque, per l’ex scenografa diventata in poche settimane la voce più sensuale della musica italiana, un po’ come Jane Birkin nel classico della canzone erotica francese Je t’aime moi non plus (cantata in coppia con Serge Gainsbourg). “In Pop Porno ho una vocina sottile e impostata (...) ma quando l’interpreto non faccio più nemmeno caso a quello che dico. L’ultimo pensiero che questo pezzo mi suscita è il sesso”» (Gianni Poglio) [Pan 10/12/2009].
• «Il brano esce nel cd omonimo per Disastro Records; il video girato in un circolo dietro a corso Buenos Aires è cliccatissimo sul web; Alessandra e Gianluca vengono paragonati a Serge Gainsbourg e Jane Birkin; Simona Ventura canticchia la loro canzone (…) a Quelli che il calcio; la Universal ripubblica l’album con due nuove tracce. E sì che era nato per scherzo: “Io e Alessandra ci siamo inventati il testo del pezzo una sera per gioco, sotto l’effetto del vino – dice De Rubertis –. Speriamo che la gente ne colga l’ironia. La cosa più bella è che sia passato dall’indie al mainstream senza subire modifiche”» (Raffaella Oliva) [Cds 21/11/2008].