Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Milano 11 gennaio 1958. Manager. Dal 2008 presidente di Vodafone Italia (già amministratore delegato). Dal 2004 al 2009 eletto presidente di Asstel, l’Associazione di categoria delle aziende di telecomunicazioni aderente a Confindustria. Dal 2011 nel comitato per le remunerazioni della Pirelli.
• Dopo la laurea in Economia e commercio alla Bocconi di Milano, ha iniziato la sua carriera nel 1981 in Citibank N.A. dove è stato nominato nel 1985 Vicepresident relationship manager. Nel 1986 ha assunto l’incarico di assistente al direttore Finanza internazionale di Montedison spa Dal 1989 è stato responsabile della direzione capital markets di enichem spa e nel 1992 è stato nominato responsabile della Finanza, budgeting e reporting di EVC-European Vinyls Corporation (Belgio). Dal 1993 al 1995 è stato direttore Finanza estero del gruppo Olivetti.
• Sotto la sua amministrazione Vodafone tenta l’assalto alla rete fissa dominata da Telecom. Dapprima ha siglato un accordo con Fastweb per avere accesso alla banda larga; poi ha proposto l’integrazione di fisso e mobile all’interno di un unico telefonino (operazione in parte fallita, il giudice decise che non era possibile mantenere il numero orginale di rete fissa come promesso dagli spot); infine ha acquisito Tele2 Spagna e Tele2 Italia (2,5 milioni di clienti tra rete fissa e internet ma solo 440 mila diretti, che non si appoggiano a Telecom).
• Sposato, vive a Milano, tre figli.