Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  maggio 23 Martedì calendario

• Modena 19 maggio 1969. Imprenditore. Ex Ministro dello Sviluppo Economico (dal 22 febbraio 2014 al 31 marzo 2016). Ha rassegnato le dimissioni dal governo Renzi il giorno stesso in cui il suo compagno Gianluca Gemelli è stato indagato per corruzione e traffico di influenze illecite nell’ambito dell’inchiesta della procura di Potenza sull’impianto estrattivo della Total a Tempa Rossa. Già vicepresidente di Ducati Energia fino alla nomina a ministro. Suo padre Guidalberto (vedi), fondatore dell’azienda di famiglia, è stato per dieci anni vicepresidente di Confindustria.
• Laureata in Legge, ha lavorato per due anni come analista finanziaria fino all’ingresso nel gruppo familiare nel 1996. Dal 2002 al 2005 è stata presidente dei giovani imprenditori dell’Emilia-Romagna e vicepresidente degli imprenditori della regione. Dal 2005 al 2008, è stata vicepresidente dei giovani imprenditori di Confindustria, di cui diventa presidente nel 2008. Fa parte del Cda del Fondo Italiano di Investimento.
• Polemiche in seguito alla sua nomina a ministro dello Sviluppo Economico per le dichiarate simpatie berlusconiane: il Cavaliere la voleva come volto nuovo della rinata Forza Italia, lei rifiutò in più occasioni. Subito dopo il giuramento, sabato 22 febbraio, si venne a sapere che lunedì 17 era stata a cena ad Arcore da Berlusconi, che avrebbe poi commentato: «Abbiamo un ministro pur stando all’opposizione». Altre polemiche per il conflitto d’interessi legato alle commesse dell’azienda di famiglia, la Ducati Energia, con Enel, Poste, Ferrovie. «La Ducati Energia in quel di Bologna, con fatturato in crescita negli ultimi anni (oltre i 110 milioni) e una sempre più marcata spinta alla delocalizzazione nell’est Europa (Croazia e Romania), nell’estremo Oriente (India) e in America Latina (Argentina) lavora (tanto) di commesse pubbliche, nazionali ed estere. Con un rapporto strettissimo, dunque, con la Pubblica amministrazione. E non è affatto un caso che ieri il primo atto del neo ministro Guidi, dopo il giuramento al Quirinale, sia stato proprio quello di dimettersi da tutte le cariche operative (era vicepresidente con la delega sugli acquisti) della Ducati Energia e dal consiglio del Fondo italiano d’investimento. Un passo inevitabile, ma una conferma dei possibili conflitti» (Roberto Mania) [Rep 23/2/2014].
• Nel primo discorso pubblico dopo l’elezione alla guida della Confindustria-Giovani disse: «Occorre superare il modello triadico fatto di sindacati, associazioni delle imprese e governo, per ridare a ogni singolo soggetto il pieno controllo del proprio lavoro e della propria esistenza».
• «Non mi sono mai consentita distrazioni, nemmeno un figlio pensavo di potermi permettere. Con me stessa sono sempre stata inflessibile. Se una donna vuole competere, deve rinunciare a una parte di vita».
• «Il suo percorso sino alla direzione generale dell’azienda paterna, 100 milioni di euro di fatturato che da Bologna esporta in tutto il mondo condensatori e sistemi di accensione per motoscooter, comincia a 24 anni tra il grasso del reparto produzione: “Negli occhi del meccanico ho letto il terrore” ricorda. “Oddio, ho davanti l’unica figlia femmina del principale e devo pure farle capire che cos’è un condensatore”. Poi Federica Guidi ha immerso le braccia nell’olio lubrificante e il caporeparto ha capito: quella donna non avrebbe mollato. In molti ormai la pensano come lui» (Antonella Bersani).
• Ministro dello Sviluppo Economico dal 22 novembre 2014 si è dimessa il 31 marzo di due anni a seguito dell’intercettazioni del 2014, finita agli atti nell’ambito dell’inchiesta Tempa Rossa, in cui garantiva l’approvazione di un emendamento alla legge di Stabilità che favoriva gli interessi economici delle imprese del suo convivente Gianluca Gemelli: «Caro Matteo, sono assolutamente certa della mia buona fede e della correttezza del mio operato. Credo tuttavia necessario, per una questione di opportunità politica, rassegnare le mie dimissioni da incarico di ministro. Sono stati due anni di splendido lavoro insieme. Continuerò come cittadina e come imprenditrice a lavorare per il bene del nostro meraviglioso Paese».
• Fidanzata da sei con l’imprenditore Gianluca Gemelli dal quale ha avuto un figlio. I due si sono conosciuti nel 2009 in Confindustria.