Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Alessandria 2 aprile 1938 – 8 settembre 2008. Economista. Uno dei maggiori esperti italiani di industria e telecomunicazioni, è stato ordinario di Economia alla Statale di Milano e di Management alla Luiss di Roma, presidente di Evidenze (analisi e strategie industriali), del Cesit (centro studi sui sistemi di trasporto), superconsulente di società italiane e internazionali, editorialista de Il Sole-24 Ore, «oltre che vicepresidente e coordinatore di quel “pensatoio” sulle tecnologie di comunicazione che è Thinktel» (Giancarlo Radice). Tra i libri Un mondo in banda larga (Egea, 2007) , Un paese insicuro (Egea, 2008) e Quattro ritardi da colmare. Sanità turismo infomobilità imprese (Egea, 2008).
• «Tempo 10 anni e tutte le telefonate vocali saranno via internet. Sulla rete passeranno solo bit, non più segnali analogici. Ma non per questo le grandi compagnie di telecomunicazioni scompariranno (…) Vedremo sovrapposizoni fra aziende diverse: provider internet, produttori di tv e intrattenimento, società new economy come Yahoo o Google» (a Giancarlo Radice) [Cds 20/9/2005].
• «Affascinato dall’ innovazione tecnologica, Guerci si divertiva a raccontare l’industria, in particolare la chimica, le telecomunicazioni, l’auto, l’aeronautica, i trasporti in senso lato, visto che era anche presidente del Cesit, un centro studi del settore. E, spesso, nei suoi editoriali finiva per criticare la politica italiana: provinciale, miope e invadente» (Giuliana Ferraino) [Cds 9/9/2008].
• Sposato. Appassionato di vela.