Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  marzo 23 calendario

Aldo Grasso

Biografia di Aldo Grasso

• Sale Langhe (Cuneo) 10 aprile 1948. Giornalista. Il più importante critico televisivo italiano, dal 1990 al Corriere della Sera. Cura la Garzantina della televisione (1996, 2002, 2004, 2008). Altri libri: Storia della televisione italiana (Garzanti 1992), La tv del sommerso. Viaggio nell’Italia delle tv locali (Mondadori 2006). Italia alla Tv. La critica televisiva nelle pagine del Corriere della sera (Rizzoli 2010). Prima lezione sulla televisione (Laterza 2011). Invito alla televisione (La Scuola 2012). Insegna Storia della radio e della televisione all’Università Cattolica di Milano. Ha diretto i programmi radiofonici della Rai «nella breve stagione dei “professori”» (1993-1994). Molto seguìto è anche il suo forum multimediale sul sito del Corriere della Sera “TeleVisioni”.
• Con Claudio Sabelli Fioretti è il giornalista più citato di questo libro.
• «La mia vita funziona così: io lavoro con il televisore acceso, di tanto in tanto registro qualche programma e poi, quando decido quale recensire, mi siedo dinanzi e lo guardo con un taccuino. È una vita un po’ d’inferno, senza pause o festività. I film sono un lusso: non dovendoli recensire sono costretto, per ragioni di tempo, a non vederli. Ho cercato di darmi una disciplina. Non conosco personalmente chi fa la televisione. Conosciute dal vero, tutte le persone sono buone. Io giudico dei fantasmi. La critica televisiva è un genere come quello letterario o cinematografico. Ha regole precise. Per essere efficace deve avere una sua virulenza. Io sono una delle persone più odiate d’Italia. E lo so. No, non mi dispiace. Né mendico comprensione» (da un’intervista di Alain Elkann).
• Gli piacciono i telefilm («Sono una forma di intrattenimento intelligente»), non ama i talk («Rispecchiano un Paese annoiato, stanco, estenuato dalle stesse chiacchiere, dalle stesse facce tristi, dal passato che non passa mai»), adora Fiorello («È lo showman più completo che la televisione italiana abbia mai avuto») e scrive che Grillo è solo «un buffone che volle farsi Re». Ha l’hobby del vino: «Possiedo una piccola vigna, faccio il vino, sono un cultore del dolcetto di Dogliani. Voglio però chiarire una cosa: il mio vino non è in commercio, non lo si trova da nessuna parte; serve, appena appena, al consumo familiare e ai regali per gli amici. Non è in vendita, quindi ne posso parlare. È una specie di promessa fatta a mio padre, morto sognando di avere una sua vigna».
• Appassionato di ciclismo.
Critiche Nel 2011 è stato definito «un professore rancoroso e improvvisato» dall’allora direttore del Tg1, Augusto Minzolini.
• Nel 2012, in diretta del Festival di Sanremo, Celentano lo definisce «un deficiente che scrive idiozie sul Corriere della Sera», Minzolini invece gli dà del «presuntuoso e narcisista».
• La moglie è Anna Foa, professoressa di storia moderna alla Sapienza e studiosa di storia degli ebrei. La figlia Benedetta (1988) vive a New York, scrive sceneggiature per bambini alla Pixar.