Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  gennaio 17 Mercoledì calendario

Marco Goldin

Biografia di Marco Goldin

• Treviso 12 gennaio 1961. Critico d’arte. Milioni di visitatori, molti dei quali mai entrati prima in un museo, per le sue grandi mostre su Van Gogh, Cezanne, gli Impressionisti ecc.
• Laurea in Lettere, indirizzo artistico, all’Università di Venezia, fu inserito nel mondo culturale romano da Vittorio Sgarbi. Primi cataloghi per Marsilio ed Electa, dal 1988 direttore del museo di Palazzo Sarcinelli a Conegliano, ci restò 15 anni. «È lì che ho iniziato ad amare quelli che sono i miei artisti preferiti. Tutti della pittura italiana del Secondo dopoguerra».
• «Nel 1996 inizia l’arrampicata alle vette del successo: mette in piedi la società Linea d’ombra, che ha come ragione sociale l’organizzazione di mostre e la vendita di biglietti, e crea anche Linea d’ombra libri, che si occupa di cataloghi e gadget. Per ultima nasce Ibiscus, che si occupa di fornire informazioni e prenotazioni per le sue mostre» (Pino Nicotri).
• Vittorio Sgarbi: «È l’inventore della gastronomia applicata alle mostre, o viceversa. Ha saputo far leva anche sul fatto che a Treviso si mangia e si beve bene. Una scorpacciata di pittura e una di polenta e osei. Più una caraffa di Prosecco o Cartizze per mandar giù tutto».